A Castagneto Po si lavora per l’integrazione.

/, In evidenza/A Castagneto Po si lavora per l’integrazione.

A Castagneto Po si lavora per l’integrazione.

Dopo varie riflessioni, abbiamo deciso di pubblicare queste foto relative alle attività di volontariato di restituzione che sono state avviate a partire dall’autunno del 2017. (http://www.comune.castagnetopo.to.it/Home/DettaglioNews/IDNews/62711)

È stata una scelta complessa, condivisa con l’associazione Tra Me che gestisce il progetto di accoglienza migranti umanità sta vivendo in questo periodo è il nostro pregiudizio. In questo contesto e con l’unico obiettivo di facilitare la loro integrazione, pensiamo sia utile far capire come i ragazzi ospiti del progetto di accoglienza migranti, settimanalmente, dedichino del tempo per interventi di pulizia e manutenzione destinati alla collettività intera; è giusto fare un ringraziamento a Sergio Pavia e agli altri volontari che seguono i ragazzi in queste attività. Molti non li avranno visti, non abbiamo pubblicizzato e mai lo faremo l’orario di queste attività: a noi piace pensare che la restituzione debba avvenire in modo naturale, discreto ma che possa servire all’integrazione dei ragazzi, magari per un loro futuro inserimento lavorativo nella comunità. Non accenderemo riflettori, non concepiamo la restituzione come un obbligo ma come un’opportunità… sono ragazzi che hanno vissuto, nei loro Paesi di origine e nel viaggio per arrivare da noi, condizioni che probabilmente nessuno di noi ha mai affrontato… lasciamoli crescere all’interno della nostra comunità, con le loro e le nostre debolezze. Perché il valore dell’accoglienza e del rispetto per chi è diverso da noi non deve farci commuovere solo qualche giorno all’anno o quando vediamo immagini o filmati sui social network… la vita vera, spesso, è davanti a noi.

Giorgio Bertotto
Sindaco di Castagneto Po

 

Ringraziamo il Sindaco di Castagneto Po per le belle parole spese. Il nostro lavoro continua con l’obiettivo di costruire un futuro migliore per tutti, cittadini di ieri, di oggi e di domani.

 

By |2018-02-14T00:00:00+00:0014 febbraio 2018|Equo e solidali, In evidenza|0 Comments